Wolf like me

0
134
Wolf like me

⚠️⚠️⚠️ se non hai ancora visto la serie, fermati qui! ⚠️⚠️⚠️


Le leggende sul lupo mannaro sono ben note: con lo spuntare della luna piena uomini colpiti da una maledizione si trasformano in lupi.

Da queste leggende sono nate storie di fantasia e racconti horror; film, libri, serie hanno riempito sale o accompagnato le serate di bambini (1) e adulti.

Wolf like me, una serie Amazon Prime diretta da Abe Forsythe con i protagonisti principali interpretati da Josh Gad e Isla Fischer, non si sottrae a questa narrazione, anzi, la recupera restituendola in chiave nuova e originale.


La prima novità: non è un uomo a trasformarsi in lupo ma una donna ad assumere le sembianze animalesche e grottesche di una lupa.


Mary, infatti, è una donna apparentemente normale, con una vita altrettanto normale che nasconde un grande mistero dentro il quale è possibile scorgere il peso di un bagaglio emotivo ingombrante. Ha studiato psicologia e gestisce una rubrica in cui offre consigli a lettori e lettrici e decide di trasferirsi a Adelaide, in Australia, dove incontra gli altri protagonisti. 

Mary si scontra con Gary (a causa di un incidente stradale), padre di famiglia ingabbiato nella sua fragilità e vulnerabilità, ferito dal lutto della perdita della moglie e incapace di accogliere l’instabilità emotiva – che spesso sfocia in attacchi di panico – di sua figlia di undici anni che ha perso la madre. 

I due continuano a incontrarsi, sempre in circostanze inspiegabili determinate dal destino, nonostante lei provi in tutti i modi ad allontanarsi. 

Mary e la figlia di Gary, Emma, entrano molto in sintonia e in empatia, un linguaggio speciale le lega; Gary e Mary sono attraversati da emozioni e simboli che li portano a unirsi sempre di più: fino al momento della scoperta.


Mary è una lupa mannara, con la luna piena, si rinchiude in casa, divora le sue prede e dà libero sfogo alle sue pulsioni.


Non c’è allontanamento, Gary e Mary iniziano una relazione, Emma e Mary si avvicinano, si capiscono, si comprendono. Nasce una famiglia dove l’unicità di ognuno è accolta e valorizzata.

La bellezza di questa serie non va tanto ricercata nella sua trama, raccontata in maniera accattivante, ma nel messaggio che custodisce. 

Ciò che spicca è il passaggio di genere, non più un uomo che interpreta il lupo cattivo ma una donna e non si tratta solo di un cambio di stile ma tocca tematiche più ampie.

Il lupo mannaro già a partire dalla sua etimologia è legato solo ed esclusivamente all’uomo. Infatti, il termine licantropo viene dal greco l`ycos “lupo” e ànthropos “uomo”, per appunto, ed è sempre l’uomo, il maschio, a trasformarsi in bestia e a dare libero sfogo a istinto e brutalità.

Questo cambio consente di creare una profonda riflessione nell’immaginario collettivo e restituire una visione della donna e della sua totalità che va oltre il suo essere sempre accogliente, amorevole e disponibile.

Anche le donne possono essere lupe: selvagge, libere, istintuali, bestiali, cattive, violente e azzannatrici e non solo nel mondo della fantasia ma anche nella realtà. Molto spesso le donne sono ingabbiate nel ruolo di un sesso femminile remissivo e buono negando loro il diritto di essere arrabbiate, frustrate, cattive, violente. 


Ma la totalità della donna risiede nel suo ventaglio di emozioni che va ascoltato, compreso, accolto e valorizzato. 


E questo lo dimostra il regista della serie attraverso la relazione tra i personaggi: Gary ed Emma non scappano, non si allontanano, rimangono e provano a capire; accolgono e sostengono e lo stesso atteggiamento è quello tipico di Mary con la sua famiglia: le sue capacità intuitive, creative, “animalesche” la mettono in relazione con il prossimo in uno stato profondo, vero e autentico. 

Quindi, la lupa mannara diventa un mezzo narrativo per aprire il varco a tutta una serie di opportunità e analisi per iniziare a raccontare in maniera diversa emozioni e tabù.

Anche veder rappresentato il protagonista non nella solita veste di maschio alpha, virile e imbattibile, ma debole, sperduto, perso nella sua frammentarietà interiore offre un senso di liberazione che consente di vedere quella possibile unione empatica e dialogica tra maschile e femminile.


È dall’accettazione del brutale, dell’imperfetto, delle emozioni più taciute che entra la possibilità di un’esistenza completa e piena.




(1) Si è scelto l’utilizzo del maschile solo per rendere scorrevole la lettura, ma il pensiero dell’autrice è di tipo plurale e inclusivo.







SITOGRAFIA

https://hotcorn.com/it/serie-tv/news/wolf-like-me-e-unottima-serie-sullincomunicabilita-umana-e-sul-veganismo/

https://www.iodonna.it/spettacoli/tv/2022/04/17/wolf-like-me-serie-tv-amazon-prime-video-recensione-aldo-grasso/

https://www.comingsoon.it/serietv/wolf-like-me/3360/scheda/#:~:text=TRAMA%20WOLF%20LIKE%20ME,-Wolf%20Like%20Me&text=Ognuno%20porta%20il%20proprio%20trascorso,dopo%20la%20morte%20della%20moglie

https://www.treccani.it/enciclopedia/lupo-mannaro_%28Enciclopedia-dei-ragazzi%29/#:~:text=Il%20lupo%20mannaro%2C%20detto%20anche,trasforma%20in%20un%20orrifico%20lupo.

L’immagine di copertina è un’immagine ufficiale di Wolf like me. Il copyright della suddetta è pertanto di proprietà del distributore della serie, il produttore o l’artista. L’immagine è stata utilizzata per identificare il contesto di commento del lavoro e non esula da tale scopo – nessun provento economico è stato realizzato dall’utilizzo di questa immagine. / This is an official image for Wolf like me. The image art copyright is believed to belong to the distributor of the series, the publisher of the series or the graphic artist. The image is used for identification in the context of critical commentary of the work, product or service for which it serves as image art. It makes a significant contribution to the user’s understanding of the article, which could not practically be conveyed by words alone.